VinoVinoVino 2010 – Conclusioni

Piace il “Vino secondo Natura”

Cresce il pubblico di VinoVinoVino, luogo dell’incontro e del dialogo

PERUGIA (22 apr.2010) – Si è conclusa con successo, registrando l’incremento del 35 per cento in biglietti venduti rispetto allo scorso anno, la settima edizione di VinoVinoVino 2010 – Vino secondo Natura, manifestazione dedicata alla degustazione e alla conoscenza dei vini naturali, a cura del Consorzio Viniveri e La Renaissance des Appellations, che si è svolta dal 8 al 10 aprile nella cornice dell’Areaexp di Cerea (Verona), ex fabbrica di perborati e attuale suggestivo complesso di archeologia industriale.

L’interesse crescente per i vini naturali e la formula unica di VinoVinoVino, quel suo sguardo accogliente verso le migliaia di visitatori tra appassionati e operatori del mondo del vino (provenienti per una buona metà da Italia e per la restante metà da Stati Uniti, Asia e nord Europa), quel metterli in contatto diretto e solidale con i vignaioli, si è confermato punto di forza della tre giorni, accanto ad un’organizzazione precisa, presente e puntuale e ai nuovi comfort forniti dall’Areaexp, tra cui l’ampio parcheggio e la possibilità di inserire in un unico ed elegante salone tutti gli espositori, oltre 150 provenienti da Italia, Francia, Slovenia, Croazia.

“Sono molto felice – sottolinea il presidente del consorzio ViniVeri, Giampiero Bea  – di avere avuto a disposizione uno spazio sufficiente per ospitare tutti insieme i produttori  in una sola sala. Ciò ha senza dubbio facilitato le degustazioni e favorito la discussione sui nostri vini. Siamo incoraggiati dal verificare che sempre più persone sono desiderose di conoscere la vinificazione naturale e hanno scoperto che la nostra proposta è il modo migliore per farlo, ovvero degustare e parlarne direttamente con i produttori“.

Un luogo da vivere, dove si può ridere e scherzare, anzi si ride e si scherza e anche dialoga in modo più che serio tra produttori, operatori e consumatori. Un ambiente confacente a diverse tipologie umane e a tutte le età, a misura sia delle comitive sia delle famiglie, dove è stato possibile incontrare anche bimbi, figli di vignaioli soprattutto, assorti nei loro giochi. Un programma capace di offrire al pubblico momenti di spettacolo e cultura tra la poesia e le immagini di Vinicio Capossela e l’omaggio al grande Giotto di Bondone con le visite guidate gratuite all’esposizione delle riproduzioni del ciclo di formelle del campanile del duomo di Firenze a cura di Mariella Carlotti. VinoVinoVino si è confermato nella sua settima edizione anche e soprattutto come il luogo della discussione vera attorno alle produzioni artigianali, un’occasione fondamentale e privilegiata per cogliere la particolare sensibilità dei produttori naturali, anche grazie ad incontri come quello della presentazione del primo volume di Vini Naturali d’Italia di Giovanni Bietti.

In virtù della risposta positiva del pubblico, “siamo ancora più convinti – conclude  Bea –  di dover continuare a lavorare sulla scia del percorso che abbiamo iniziato sette anni fa. Uno degli obiettivi principali del nostro gruppo è quello riunire assieme, favorendo contatto e scambio, le persone che lavorano nel rispetto della natura. Vogliamo promuovere tutti quei vini che sono l’espressione onesta di quando, dove e come sono fatti “.

Per ulteriori informazioni sul Consorzio Viniveri e per tutte le ultime novità da VinoVinoVino 2010 – Vino secondo natura, vi invitiamo a visitare il sito all’indirizzo: www.viniveri.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi