Altura Vigneto

  L’idea

        libertà     semplicità    verità

Il nostro lavoro al Giglio scaturisce dal nostro viver qui ed essere grati, cavalli donati vocati

a “una vertù d’amor tanto gentile” per la vigna la vita e l’isola che ci fa passare oltre ogni amarezza,

difficoltà contrasto e pesantezza.

Recuperiamo, scopriamo, coltiviamo, per il nostro piacere ma anche per dare un segnale forte in direzione OPPOSTA allo strapotere della “monocultura” del mercato del profitto immediato commerciale immobiliare e turistico, desertificazione emotiva, spopolamento.

Iniziamo, fra l’ilarità generale, e in direzione OPPOSTA rispetto all’abbandono imperante, nel 1999.

Ed ecco chilometri di muri a secco, fatica e bellezza, valenza sociale, totalmente manuale,

e poi paesaggio, ricostituzione,

e salvaguardia, custodia, derisione,

la biodiversità, manutenzione,

varietà antiche, autoctono, estinzione,

lavoro enorme e gran soddisfazione,

invidia, stima e pesi sul groppone.

Eccoci qua!

Presenti, precursori, diligenti, come sono ogni dove le sementi.

Questo post è disponibile anche in: Inglese